Il blog di Comma3

Comma3 – Strumenti e soluzioni per comunicare con internet

Tag: zuckerberg

News Facebook: Facebook Shop

Mark Zuckerberg durante una diretta Facebook ha annunciato il roll out di Facebook Shop, una funzionalità grandiosa che permetterà di vendere e acquistare direttamente su Facebook.

Leggi tutto

Perché Facebook ha comprato (a caro prezzo) il non redditizio WhatsApp?

WWWMark Zuckerberg paga 19 miliardi di dollari (tra azioni Facebook e contanti) per acquistare WhatsApp, il sistema di messaggistica istantanea che cresce di un milione di utenti al giorno. Perché l’ha fatto? Cerchiamo di capirlo.

Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook, ha appena acquistato per 19 miliardi di dollari WhatsApp. Ha messo sul tavolo l’equivalente di 12 miliardi di azioni di Facebook e staccato un assegno da 4 miliardi di dollari (gli altri 3 miliardi sono costituiti da azioni vincolate per i dipendenti e i fondatori di WhatsApp). Un bel gruzzolo, soprattutto se confrontato a quello speso sempre da Mark nel 2012 per comprare Instagram (poco meno di un miliardo di $).

Leggi tutto

Sfida Facebook con un virus e poi Zuckerberg lo assume

ROMA – C’è una nuova generazione al lavoro. Si muove e vive nella Rete, la crea da dentro, la gestisce. E’ una generazione che sfugge alla comprensione della maggioranza, che segue proprie regole e inventa codici di accesso e di riconoscimento. Il suo linguaggio è stato tradotto per gli umani nel film di David Fincher, The Social Network, che ha raccontato la storia di Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook. Un genio, un hacker, l’uomo dell’anno, il miliardario più giovane del pianeta e, soprattutto, un visionario. Difficile contattarlo e captarne l’attenzione, per riuscirci bisogna passare da codici, algoritmi, buchi neri, cavi e fantasiose scorciatoie.

La storia di Chris Putnam ne è la dimostrazione. Digitando questo nome su Facebook, appare una foto sfocata, e un “mi piace” sottoscritto da circa 30mila persone. Putnam è un hacker nato nel 1988 che ha sfidato con un virus il grande social network. Il suo scopo non era infastidire Zuckerberg, ma farsi notare. La sua avventura ha inizio nel 2005 quando Chris, allora 19enne, studiava alla Georgia Southern University e insieme ai suoi due amici Marcel Laverdet e Kyle Stoneman, decise di creare un worm che si replicava grazie a un exploit XSS (Cross-site scripting) tramite un campo non trattato correttamente (Websites). Il worm era in grado di fare tre cose: chiedeva l’amicizia all’account di Chris, si replicava nel profilo e cambiava la grafica del profilo dell’utente replicando fedelmente quella di MySpace.

Il worm code si replicava di utente in utente in modo rapido e silenzioso, diffondendosi in modo virale attraverso gli amici che guardavano il profilo di qualcun altro. I tre hacker potevano così modificare rapidamente lo script principale per produrre una serie di effetti a sorpresa sugli account che passavano sotto il loro controllo. “Era un lavoro che faceva molto effetto e riarrangiava tutti i campi del profilo in sgradevoli caselle di MySpace e schemi colorati”, ha raccontato Putnam. Questo li rendeva però facilmente rintracciabili. Tre rintracciabili e geniali sbruffoni. In meno di 24 ore dal rilascio del worm, Putnam venne contattato da Dustin Moscovitz, uno dei co-fondatori di Facebook.

Con la diffusione del virus gli utenti contagiati avevano cominciato subito a lamentarsi. Anche numerosi dipendenti di Facebook erano stati infettati, incluso un account interno di prova chiamato The Creator. Come ha poi spiegato Putnam, il ‘creatore’ non era Zuckerberg: “Ma abbiamo immaginato che anche lui fosse stato costretto a fare il punto e avesse considerato l’operazione uno straordinario successo”. In meno di un giorno Putnam fu invitato da Moscovitz a presentarsi alla sede di Palo Alto di Facebook. Questo non prima di un lungo scambio di messaggi. “Il fatto che Moskovitz conoscesse la mia identità non fu una grande sorpresa dal momento che l’interazione del worm con il mio account era scontata. Anzi eravamo arrivati a fornire delle informazioni su come contattarci”, ha raccontato Putman. La reazione di Moskovitz fu comunque divertita. “Hey tutto questo è divertente, ma sembrerebbe che tu stia cancellando le informazioni sui contatti dai profili degli utenti quando il worm si replica nuovamente. E così non è bello”. In cambio di tanta condiscendenza, Putnam iniziò a rivelare il worm nei dettagli insieme ai punti deboli che aveva identificato nel social network. Dopo circa un mese gli fu chiesto se volesse lavorare per Facebook.

La Rete segue percorsi e colloqui di lavoro senza regole. Putnam era spaventato. In quel periodo un altro hacker era stato arrestato dopo aver fatto la stessa cosa. Un virus per MySpace, la promessa del social network all’assunzione e dopo l’invito, la prigione. “Quando arrivai alla sede, al secondo piano dovevo incontrarmi con Dustin. Ero teso ma quando la porta si aprì e trovai Moskovitz e non i poliziotti in piedi di fronte a me”. Putnam fu assunto e iniziò a lavorare per Facebook pochi giorni dopo il colloquio. Oggi lavora insieme al suo amico Marcel Laverdet insieme allo staff del Social Network più famoso del mondo.

E’ uno degli ingegneri del sito, partecipa regolarmente a forum da nerds assoluti, come Somethingawful.com, dove è abbastanza famoso. Le sue pagine preferite sono Facebbok (un profilo nel profilo), Facebook Engineering e una pagina sulle “uova di pasqua”: easter eggs che in realtà sono un regalo segreto dentro i programmi, ovvero dei codici segreti che i programmatori inseriscono all’interno dei loro programmi e che non sono menzionati nei manuali ufficiali. In genere vengono usati dai programmatori per scrivere segretamente i loro nomi. Per vedere un easter egg bisogna conoscere delle sequenze di tasti o operazioni da compiere. Presso alcune società di software l’inserimento di queste “sorprese” è permesso. Così, tra i simpaticissimi scherzi da hacker, nella lista delle emoticon di Facebook, ce n’è una dedicata proprio a Chris Putnam, è la ‘Weird face’ (e si richiama digitando :putnam:). “Sarò sempre grato a Facebook e alla sua passione per gli ingegneri stravaganti e con un passato da hacker”, ha raccontato l’ingegnere in un’intervista in Rete, abbastanza in superfice perché a noi fosse possibile riportarla sulla terra.

Fonte: http://www.repubblica.it

Facebook, Zuckerberg beffato Un hacker gli ruba il profilo

NON poteva esserci modo migliore per dimostrare quanto Facebook sia insicuro. Un hacker dall’identità ancora ignota ha preso il controllo della pagina ufficiale di Mark Zuckerberg 1, il fondatore del social network, divertendosi a lanciare messaggi alle migliaia di fan del giovane miliardario. Giusto il tempo di raccogliere 1.800 “mi piace” e circa 500 commenti al suo unico post e il social network è stato costretto a rimuovere la pagina del fondatore, senza rilasciare almeno al momento alcun tipo di commento. Una figuraccia globale a cui prima o poi dovrà dare una spiegazione.

GUARDA IL MESSAGGIO DELL’HACKER 2

Il messaggio inviato dallo Zuckerberg posticcio era questo “Che l’hacking abbia inizio: Se Facebook ha bisogno di soldi, invece di andare dalle banche, perché non permette ai suoi utenti di investirvi in modo sociale? Perché non trasformare Facebook in un “social business”, nel modo in cui lo ha descritto il vincitore del premio Nobel Muhammed Yunus? Che ne pensate?”. Un chiaro riferimento al recente investimento di Goldman Sachs nel social network quindi, con una proposta da parte dell’hacker di abbandonare i sistemi capitalistici tradizionali per abbracciare l’esperienza di Yunus e del suo social business, in cui i ricavi non sono distribuiti tra gli investitori

ma usati per il miglioramento dellastruttura stessa e per scopi sociali.

Il messaggio “rivoluzionario” dell’hacker ha ricevuto commenti e insulti, ma di sicuro ha colpito l’attenzione dei lettori, increduli di fronte a una comunicazione del genere. Insieme al messaggio, il finto Zuckerberg ha lasciato il riferimento dell’hashtag #hackercup2011, un codice usato nelle conversazioni sul sito di microblogging Twitter. Si tratta di un’ulteriore beffa per Facebook, visto che l’Hacker Cup 2011 altro non è che il concorso indetto dal social network per far emergere i migliori talenti del panorama informatico. L’autore dell’attacco alla fan page di Zuckerberg si candida quindi come un probabile vincitore, seppure fuori dagli schermi, del concorso.

A parte la figura non certo esaltante per Facebook e il suo fondatore (e per gli addetti che si occupano della pagina), il problema della sicurezza sui social network torna all’attenzione degli ormai 600 milioni di utenti del sito. Proprio in queste ore veniva diffuso l’ultimo rapporto sull’argomento, stilato dalla società di sicurezza informatica Sophos, che indicava i social network come uno dei principali veicoli di malware e spam. Ma se neppure Mark Zuckerberg è in grado di custodire la propria password, chi può dirsi davvero al sicuro?

Fonte: www.repubblica.it

Uomo dell’anno: Mark Zuckerberg batte Julian Assange

Ignorando l’appello dei suoi lettori, che spingevano per un riconoscimento al boss di WikiLeaks, Julian Assange, il Time magazine ha premiato con il consueto riconoscimento di ”persona dell’anno” il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg. Il 26enne mente del social network più diffuso della rete ha preceduto il movimento conservatore statunitense del Tea Party, che ha avuto un grosso impatto sulle elezioni di medio termine, e lo stesso Assange.

I lettori di Time magazine avevano votato a larghissima maggioranza per il fondatore di WikiLeaks, attualmente dietro le sbarre a Londra, seguito da Lady Gaga, ma secondo il direttore della rivista, Richard Stengel, Zuckerberg ha meritato di più il riconoscimento perché il suo Facebook ‘’sta trasformando ogni giorno il nostro modo di vivere”.

Zuckerberg è il secondo più giovane vincitore del premio dal 1927, quando fu assegnato per la prima volta all’aviatore americano Charles Lindbergh all’età di 25 anni.

Fonte: http://blog.panorama.it

FACEBOOK, SUI PROFILI PIÙ FOTO E INFORMAZIONI

Novità per gli utenti di Facebook, il social network più usato del mondo. Il fondatore Mark Zuckerberg, intervistato dalla Cbs, ha illustrato la riprogettazione del profilo degli utenti, le cui modifiche renderanno più facile per tutti raccontare la propria storia, con un accento maggiore sull’aspetto visivo, sulle foto e sugli elementi che rappresentano i propri interessi. La biografia, ad esempio, descriverà chi è l’utente, dove vive, un insieme delle foto più recenti e molto altro: modifiche che, secondo Zuckerberg, che non ha escluso di vendere in borsa quote della sua azienda, piaceranno molto agli inserzionisti pubblicitari. Nell’intervista il fondatore di Facebook ha rivelato di aver rifiutato un miliardo di dollari da Yahoo! nel 2006 per vendere la società, valutata 6,5 miliardi di dollari nel 2009, ma il cui valore è ora probabilmente superiore ai 10 miliardi.

Fonte: www.leggo.it

Facebook vuole registrare come marchio la parola “Face”

Continua l’ascesa di Facebook nel mondo di internet. L’U.S. Patent and Trademark Office ha sostanzialmente confermato le indiscrezioni circulate nelle scorse settimane che indicavano Mark Zuckerberg interessato a registrare, come marchio esclusivo, la parola “Face“.
A quanto pare l’ente statunitense ha dato via libera alla richiesta e ha invitato i vertici del social network ad inviare tutta la documentazione relativa alla richiesta entro sei mesi. Se tutto sarà considerato corretto, Facebook potrà considerare il marchio come sua esclusiva.
Chiaramente la registrazione del marchio sarà circoscritta in aree ben delimitate, quelle cioè strettamente collegate all’ambito di influenza del social network. In particolare, l’ente statunitense ha specificato che l’esclusiva del marchio “Face” sarà relativa a “servizi che offrono chatroom online, piattaforme elettroniche per la trasmissione di messaggi tra utenti e riguardanti materie quali l’intrattenimento sociale”.
L’intento di Zuckerberg e soci è quello di tutelare la loro “creatura” da eventuali conflitti con altre aziende che detengono marchi esclusivi molto simili. Un esempio di ciò è FaceTime, la tecnologia Apple per effettuare videochiamate, di cui chiaramente la società di Cupertino è già in possesso del marchio registrato.
Non è la prima volta che Facebook avanza questo tipo di procedura. Già durante lo scorso mese di aprile, Facebook fece una richiesta simile per la registrazione del marchio “Like“, quello dei celeberrimi pulsanti attraverso i quali gli utenti esprimono preferenze su contenuti vari.


Fonte: www.bitcity.it

Powered by Comma3