Il blog di Comma3

Comma3 – Strumenti e soluzioni per comunicare con internet

Categoria: Cultura Pagina 1 di 3

Qual è lo strumento di marketing più sottoutilizzato?

Homer-music-300x188

La musica.

Avete visto l’ultimo episodio di Mad Men, in particolare il finale? Appena ho sentito le prime battute della musica, ho capito che venivano dallo spot «Hilltop» della Coca-Cola.

Leggi tutto

Digital Storytelling: il content marketing al servizio del turismo

summer, holidays, vacation and happiness concept - group of friends taking picture with smartphone

Negli ultimi tempi si sente molto parlare di digital storytelling, ma questa disciplina può essere applicata anche al turismo?

Leggi tutto

Psicologia nel marketing digitale

psicologia-marketing

Ogni volta che abbiamo necessità di un bene o un servizio entrano in gioco moltissimi elementi sociologici e soprattutto psicologici, ecco perché comunicare e sviluppare strategie di marketing può essere considerata a tutti gli effetti una scienza.

Leggi tutto

3 libri su social e digital media da leggere al rientro dalle ferie estive

Una lista di 3 manuali che non possono proprio mancare nella vostra libreria di Digital Marketers

libri-social-digital-media-620x445

Mentre per molti il rientro dalle ferie coincide con momenti di panico e tristezza nostalgica, altri lo vedono piuttosto come un periodo per riorganizzare forze e risorse e ripartire al meglio anche in ambito professionale. A proposito, sicuramente libri e manuali possono diventare fedeli alleati per crescere e aggiornarsi.

Leggi tutto

30 cose che non usiamo più grazie all’Iphone

phone-news

Prima dell’avvento dell’iPhone la vita non era così semplice. Il sito Buzzfeed ha pubblicato un filmato che sintetizza le 30 cose che non ci servono più da quando lo smartphone Apple ha invaso il mercato. Qualche esempio? La sveglia alla mattina, il timer quando cuciniamo, i pesantissimi album delle foto. E tante altre cose…

Leggi tutto

Nelle scuole americane si va a lezione di programmazione

HopscotchDMobileJPEGMettersi a lavorare con codice e linguaggi di programmazione sin dai banchi di scuola: questo stanno facendo moltissimi istituti di istruzione negli Stati Uniti in cui l’informatica (nel senso più proprio del termine) sta assumendo un peso sempre più consistente anche nel piano di studi degli alunni più giovani. Sono oltre 20 mila i docenti che supportano il progetto sostenuto dalla fondazione Code.org insegnando già ai ragazzini delle scuole elementari come il computer possa essere strumento per esprimere creatività.

Tutto è cominciato qualche anno fa quando alcune scuole nell’area di Chicago hanno proprosto tra le attività a scelta nel doposcuola un corso di programmazione, in mezzo a laboratori sportivi e artigianali di vario genere.

Leggi tutto

Se vuoi capire il mondo, devi pensare in rete

La teoria dei network è utile sia per catturare Bin Laden che per salvare i merluzzi. Un saggio ne racconta la storia

Leggi tutto

Scuola 2.0

E’ stato presentato ieri, in occasione di ABCD + Orientamenti 2012, il salone italiano dell’educazione, la prima piattaforma completa di tecnologie, formazioni e contenuti digitali per la scuola 2.0 realizzata da Giunti Scuola, Intel, Microsoft Italia e Paperlit.

Leggi tutto

Marketing Low Cost ‘On Demand’

La soluzione per far crescere le performance di attività turistiche con il Marketing Low cost. Nasce Buzz Mkt la società di marketing che inserisce il marketing per tutte le tasche. Questa società inserisce la nuova funzione di consulenza “on demand”. Il professionista potrà usare la consulenza solo quando gli sarà necessaria. Nessun spreco e nessuna spesa non necessaria. Il General Manager via skype è sicuramente una novità, e permette a tutte le società turistiche di avere delle consulenze a bassissimo costo. Servizi di indicizzazione, page ranking, introduzione nei motori di ricerca e costruzione di siti internet nel web 2.0. Sicuramente sarà l’evoluzione del marketing online.

Fonte: www.comunicati-stampa.net

A Natale su Amazon.com le vendite dei libri digitali superano quelle dei libri cartacei

amazon book

Durante il periodo di Natale, sul sito di Amazon sono state vendute più copie di libri in formato digitale per Kindle che i quello cartaceo: la notizia che arriva dagli States potrebbe avere del clamoroso, almeno per quella grandissima fetta di persone che non credeva ad una così rapida ascesa dell’editoria digitale e degli ebook e che, pur avendo da tempo intuito la portata della rivoluzione in arrivo, credeva in linee evolutive meno ripide.

Dunque il natale 2009 passerà alla storia come il momento del sorpasso degli ebook ai danni dei vecchi cugini cartacei? Non esageriamo, le statistiche riguardano per ora solo il sito della Amazon, proprietaria del lettore Kindle, e oltretutto non sono nemmeno troppo chiare, visto che la societa’ di Jeff Bezos non ha fornito dati precisi circa il volume dei suoi affari natalizi.

Sta di fatto però che il dato, se confermato, sancirebbe un segnale estremamente forte, un segnale che l’editoria italiana, ancora molto lontana per tecnologia e adattabilità a quella americana, dovrebbe cogliere al volo per cercare di arrivare al natale prossimo con le idee chiare sul proprio futuro.

Fonte: Booksblog.it

Pagina 1 di 3

Powered by Comma3