Comma3 - Strumenti e soluzioni per comunicare con internet

Categoria: Economia Pagina 2 di 4

Industrial Internet, è in arrivo una nuova rivoluzione

General Electric annuncia
la convergenza che permetterà
di trasformare società e produzione
carlo lavalle

Il mondo è alla vigilia di una nuova era di innovazione e cambiamento con l’avvento di una Industrial Internet. E’ il termine coniato da General Electric (GE) secondo cui la convergenza tra Internet e sistema industriale permetterà di trasformare in modo rivoluzionario società e produzione collegando virtuosamente reti, dati e macchine. 

Province a confronto sulla qualità della vita

Da oltre vent’anni il Sole 24 Ore misura la vivibilità delle 107 province italiane, elaborando una serie di dati statistici e stilando una classifica annuale. In questo esperimento Il Sole 24 Ore offre gli stessi dati in una nuova veste interattiva.

Usa: record di vendite nel week end per Black Friday. Spesi 59 mld $

Record di vendite durante il weekend del Thanksgiving, che segna l’inizio shopping di Natale negli Stati Uniti con il famoso Black Friday. Un segnale incoraggiante – come riporta Finanzaonline – che ha sostenuto la Borsa di New York lo scorso venerdi’ e che ha fatto festeggiare le grandi catene di negozi americane, come Macy’s e Wal-Mart, ma anche i rivenditori online, come Amazon e Ebay.

Sarà il Natale degli acquisti online. Ecco come evitare le truffe

Circa 12 milioni gli italiani che ricorrono al Web per lo shopping natalizio. L’azienda McAfee suggerisce come riconoscere i criminali informatici attivi in rete
claudia nardi
roma

Quest’anno la consueta corsa ai regali di Natale si farà su Internet. Il commercio elettronico piace molto agli italiani che, annoiati dai metodi tradizionali, ricorrono sempre di più alla rete per lo shopping natalizio. Secondo i dati aggiornati sull’e-Commerce in Italia rilevati da Netcomm, sono oltre 12 milioni i consumatori che hanno fiducia nel web per acquistare beni e servizi, e in un anno sono cresciuti del 30%. I motivi che spingono sempre più italiani a utilizzare la rete sono molteplici e all’apparenza molto vantaggiosi: la vasta gamma di prodotti reperibili online e la tempestività con cui questi vengono distribuiti, fanno di Internet un punto di riferimento importantissimo nella gara ai doni last minute.

Le 6 parole d’oro per costruire relazioni online basate sulla fiducia

La fiducia: difficilmente quantificabile ma di grande valore per il business

Sempre più relazioni professionali vengono create stringendosi la mano on line. Anche le aziende devono creare sempre più spesso una relazione con gli stakeholder basata su fiducia e credibilità. E per farlo utilizzano i social network, in cui ogni giorno milioni di persone interagiscono tra loro.

Redditometro nuovo 2012-2013 su Internet. Da oggi online Redditest. Si può controllare congruità

Questa mattina l’Agenzia delle Entrate illustrerà il funzionamento del Redditest, lo strumento con cui il contribuente capisce se può finire nel mirino dei controlli.

Arriva il Redditest,lo strumento di valutazione della coerenza tra il reddito e le spese sostenute dai contribuenti. Lo ha messo a punto l’Agenzia delle Entrate che lo presenterà questa mattina alle ore 11 presso la sede di via Cristoforo Colombo 426. Il software sarà a disposizione dei cittadini che, in maniera volontaria e anonima, possono verificare la congruità fra entrate e uscite economiche domestiche e capire se possono finire nel mirino dei controlli. In buona sostanza il Redditest farà i conti in tasca e servirà a mettere in allarme i potenziali evasori.

I nuovi business che rivoluzionano la rete

Prosegue il viaggio de «La Stampa» nel nuovo mondo digitale per scoprire come la tecnologia sta trasformando le nostre vite e quali sono e saranno
le sfide e le opportunità. Ecco alcuni esempi scelti tra le imprese più innovative e di successo

Audi City: l’auto store digitale del futuro?

Il sta trasformando ogni settore di attività umana. La rete ha già cambiato radicalmente il commercio al dettaglio attraverso l’e-commerce, ora il tenta di indurre una mutazione profonda anche nelle modalità di vendita degli esercizi commerciali fisici del settore automobilistico.

DIGITAL FASHION: cresce del 33% l’acquisto online della moda

Continua a crescere il numero di acquirenti online sul suolo italico. Gli eShopper che hanno comprato sulla rete negli ultimi tre mesi sono, stando alle rilevazioni di ottobre 2012, il 43,4% dell’universo dei navigatori internet, pari a 12,3 milioni di individui (erano 9,2 milioni un anno fa). Gli acquirenti online attivi alla rilevazione di ottobre dichiarano una frequenza media di acquisto pari a 3,5 transazioni per trimestre, poco più di una al mese, secondo l’ultima ricerca condotta da Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano con Human Highway.

L’isola felice della pubblicità online: +12%

La decima edizione dello Iab Forum e i dati sugli investimenti pubblicitari sul web

Mentre il settore continua a digrignare i denti, la pubblicità online si conferma isola felice. Anche se deve fare i conti un rallentamento rispetto all’anno scorso. Come tradizione, lo IAB Forum snocciola in apertura i dati sugli investimenti pubblicitari nostrani in Rete e fa riferimento un +12% nel 2012, a fronte della flessione complessiva del comparto dell’8,4% testimoniata da Nielsen. A differenza degli anni scorsi, non è stato fornito il dato degli investimenti in valore assoluto. Il 2011 si era chiuso con un rialzo del 15% a toccare quota un miliardo e 200 milioni di euro e, anticipa il presidente di IAB Italia Simona Zanette, la stima di crescita rispetto al punto di partenza attuale per i prossimi 12 mesi è del 10%.

IL DIGITALE – L’appuntamento milanese sulla comunicazione digitale, giunto alle decima edizione, apre oggi nella speranza che l’Agenda digitale di recente costituzione dia l’impulso per l’impennata definitiva. Oggi, spiega Zanette, «il confronto fra televisione e Internet ci mette davanti a una situazione in cui in ogni casa c’è un apparecchio televisivo, mentre a Internet è connesso il 54% della popolazione, 28 milioni di utenti (dato Audiweb relativo a giugno 2012, ndr)». E per chi fa pubblicità e deve diffondere il messaggio a tappeto non è un particolare trascurabile. Questa mattina Mario Calderini, consigliere del ministro dell’Istruzione Francesco Profumo e coordinatore del gruppo di lavoro Smart Communities Agenda Digitale, e Alessandro Fusacchia, consigliere del ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera e coordinatore della task-force per le startup, si soffermeranno nella cornice meneghina sulle misure previste dal governo per favorire la penetrazione del digitale nell’economia nostrana.

ALFABETIZZAZIONE – Zanette drizza le orecchie quando si parla di “alfabetizzazione e infrastrutture” che permetteranno all’audience online di crescere e, conseguentemente, agli investitori di acquisire fiducia nella piattaforma. Al momento, la faccia sorridente della medaglia è proprio quella che collega la tv all’online: in Europa, negli ultimi due anni la «fruizione in differita di programmi su tablet o smartphone è cresciuta del 750%», spiega Zanette facendo riferimento a una ricerca della versione comunitaria di IAB. L’Italia, con i suoi 25 milioni di telefoni cellulari intelligenti e il sopracitato legame con l’ex tubo catodico, è potenzialmente molto reattiva e l’Interactive Advertising Bureau tricolore si aspetta che «il video advertising funga da traino». Nei negozi, fa notare Zanette, l’offerta di «smart tv con navigazione integrata, fra i nuovi modelli, supera già quella di apparecchi classici»: ci sono quindi ottime ragioni per immaginare un futuro non troppo lontano in cui saremo esposti al messaggio pubblicitario su un doppio/triplo fronte e anche in momenti diversi dalla diffusione del contenuto da parte dell’emittente televisiva.

IL TARGET – Guardando al futuro, sarà la possibilità di intercettare il target di utenti potenzialmente interessato al prodotto o al servizio a fare la differenza. Zanette fa riferimento alle piattaforme di Real time bidding che «negli Stati Uniti fagocitano il 40% degli investimenti e nel Regno Unito il 30%». Trattasi di una soluzione che permette ai portali «nel rispetto della privacy dell’internauti», di individuare le caratteristiche e gli interessi di chi sta navigando fra le sue pagine e di ingolosire gli inserzionisti alla ricerca di utenti con appetiti specifici.

Fonte: Corriere della Sera

 

Pagina 2 di 4

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén